sabato 23 aprile 2011

news di giornata..

La prima riguarda il nostro fragile territorio, la rincorsa ad accaparrarsi qualche Euro per mettere una PEZZA agli ultimi movimenti franosi, o problemi idrogeologici che dir si voglia, causati periodicamente e puntualmente dalle piogge che ahinoi... insistono a scendere dal cielo..!


Da Piacenza24 apprendiamo che è stato "approvato il piano di interventi per la messa in sicurezza del territorio in tutta l’Emilia-Romagna. Si tratta di 24 milioni di euro per interventi urgenti dopo il maltempo del dicembre-gennaio scorsi. Il piano è stato approvato all’unanimità dal Comitato istituzionale presieduto dall’assessore regionale alla difesa del suolo e protezione civile Paola Gazzolo. Due di questi milioni saranno destinati solo al territorio piacentino".

Si gioisce certamente che ancora siano spesi alcuni Euro sul territorio per sanare almeno le ferite principali, meglio di nulla..., ma si ribadisce anche la necessità di cambiare l'approccio e iniziare a stanziare qualcosa, qualche briciola, anche per la prevenzione!

A conti fatti la prevenzione fa risparmiare!

--------------------------------------------

La seconda notizia, non propriamente geologica ma comunque di interesse e di spunto per altre realtà, è il rinnovo tra Banca di Piacenza e Comune di Rivergaro della "convenzione "Provincia più bella" per finanziamenti destinati alla installazione, per tutti gli edifici, di pannelli solari e/o fotovoltaici atti ad un impiego di fonti di energia rinnovabili ad integrazione di quelle tradizionali, con finalità di ridurre l'impiego di queste ultime; alla realizzazione - esclusivamente per gli edifici esistenti alla data di approvazione della variante generale al P.R.G. (7/5/2003) - di nuovi allacciamenti alla rete fognaria per quelli che ancora non ne fossero dotati o, in alternativa, alla realizzazione di autonomi sistemi di depurazione dei reflui nelle zone del territorio comunale non dotate di collettori fognari.

La convenzione, con scadenza al 31 dicembre 2011, prevede un importo finanziabile pari al 100% di preventivi, progetti, fatture (I.v.a. esclusa) con un massimo di 60mila euro; durata di 72 mesi con rimborso a rate mensili. Il Comune corrisponde direttamente al mutuatario un contributo una tantum in conto interessi in forma attualizzata di 1 punto percentuale".

Sembrava doveroso segnalare questa notizia. Non si sa mai che sia passata troppo in sordina e che magari anche altri Comuni possano COPIARE l'idea...